Sabato, Gennaio 20, 2018
A- A A+

Header2

BELLUNO - UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE

U.S.R. per il Veneto - Ufficio IV

Header3

USRVeneto120

Percorso

FAQ in Pensioni

Domande sulle pensioni

Esiste un riconoscimento pecuniario per l'insegnante che va in pensione per aver ricoperto per molti anni la carica di vicepreside/vicario in una scuola media/secondaria di primo grado?

Si. L’insegnante che abbia ricoperto per alcuni anni la carica di vicario/vice preside e abbia ricevuto per questo dei compensi, potrà avere il riconoscimento di tali importi nella quota B di pensione alla voce “accessori” (che saranno attestati dalla scuola). Naturalmente ci sarà una maggiorazione della pensione solo nel caso che, l’importo dei compensi ricevuti, superi la maggiorazione del 18% della retribuzione pensionabile.

Sono una docente che il 13 aprile 2009 compirà il 60° anno d'età. Ho maturato contributi per 37 anni. Vorrei continuare a insegnare per altri tre anni. Posso farlo oppure sono soggetta a pensionamento d'ufficio quando compirò 60 anni?

Lei può continuare a insegnare per altri 3 anni.
Non ci sono ancora disposizioni da parte del Ministero per la risoluzione del contratto di lavoro per coloro che hanno raggiunto o raggiungeranno il 40° anno di servizio.
Le ricordiamo che l'età massima per il collocamento a riposo è il 65° anno di età, sia per gli uomini che per le donne.

C'è un limite di tempo massimo entro il quale le scuole sono tenute a concludere le pratiche di ricostruzione di carriera?

Il termine per l'adozione del provvedimento di ricostruzione di carriera è fissato in giorni 480 dal Decreto Ministeriale 6 aprile 1995, n. 190 (Regolamento di attuazione dell'art. 2 e dell'art. 4 della legge 7/8/1990 n. 241).
Non siamo a conoscenza di successive modifiche apportate ai termini procedimentali relativi agli atti amministrativi di competenza dell'amministrazione scolastica.

Privacy_cookie informativa